Cecy Onlus ha partecipato con alcune foto al concorso fotografico indetto dal Centro di Aiuto alla Vita di Saluzzo. Il titolo del concorso era "Vita. . .  controvento – L’uomo scopre se stesso quando si misura con l’ostacolo" e gli scatti dovevano raccontare la forza della vita di fronte alle difficoltà e agli sgambetti che, talvolta, la vita medesima pone di fronte a ciascuno di noi.

Le foto che abbiamo inviato a concorso provengono  dall'archivio del viaggio in Nepal, costituito grazie alla buona volontà di alcuni partecipanti al viaggio che hanno donato le proprie foto a Cecy Onlus.

Alla premiazione del 27 maggio 2018 abbiamo  ricevuto  200,00 euro  quale terzo premio assoluto, per la foto intitolata "Con tutta la mia forza. La somma è stata   interamente destinata al progetto della Casa per Dil Kumari.

Grazie al CAV di Saluzzo per l'organizzazione della manifestazione.

Ecco nel seguito le foto in concorso accompagnate da una breve spiegazione.

Con tutta la mia forza

Questa è la foto vincitrice del terzo premio del concorso. E' stata scattata nella mattinata del primo marzo 2017  a Waku, da Roberto Cattaneo. La bambina ritratta fa parte di una bella famigliola che transitava in quel momento per il villaggio; tutti portavano qualcosa: la bambina, in testa, un carico abbastanza pesante; la sorella, proprio dietro di lei, uno zaino; la mamma, che arrivava per ultima, un fratellino sulla schiena.

Tutti fummo colpiti dalla naturalezza del passo con il quale il gruppo affrontava la salita: non si trattava di una passeggiata ma di un vero e proprio trasporto e quel marciare ritmico era (ed è) il modo più efficiente per muoversi in quel posto impervio non raggiunto da strade.

Gli occhi della bambina esprimono fatica ma anche la partecipazione e l'impegno verso la propria famiglia, alla quale lei risponde con determinazione: "con tutta la mia forza".

con-tutta-la-mia-forza

Il soffio della vita

In questa foto di Andrea Dematteis vi sono alcuni elementi che maggiormente ci hanno colpito durante la salita al villaggio di Waku dal fiume Dudh Koshi (vedere Minicronaca del viaggio in Nepal): l'arido paesaggio, la vita che passa e la vita che inizia.

La bambina e la nonna  sono ritratte con i loro averi più preziosi: gli animali e la loro coltivazione di patate.

Il soffio della vita rinnova la vita e la terra, inesorabilmente.

il-soffio-della-vita

Folata di vento

Non è anziano quest'uomo ritratto da Marino Felice Galizio, lungo il sentiero che da Waku porta a Nunthala.

Il telo sul quale riposa servirà da lì a poco a raccogliere i chicchi di mais che sgranerà dalle pannocchie, appese a dei graticci poco più in là.

Folata di vento è la vita che passa in fretta, la gioventù che svanisce sotto le fatiche per sopravvivere in quei luoghi.

 

folata-di-vento

Il futuro nelle mie mani

La madre lo porta con sé tutti i giorni e lui, seduto al suo fianco,  giocherella con quel martello che ancora non riesce a sollevare.

I sacchi di ghiaia si accumulano davanti a lui: è il lavoro di mamma, spaccare le pietre per farne ghiaia. Il futuro è nelle sue mani: quando riuscirà a sollevare quel martello allora potrà incominciare. Foto di Marino Felice Galizio.

il-futuro-nella-mie-mani

Condividi
Con tutta la mia forza
Tag:             

Commenta & condividi

Loading Facebook Comments ...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.